Tutto il sole sulla vostra tartina!

pubblicato 5 nov 2014, 06:41 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 11 dic 2015, 05:34 ]

È un successo!
Ce ne vogliono di fiori per fare solo un vaso di melassa! Per quelli che considerano il tarassaco come malerba, la sua raccolta sara utile, per gli altri che lo apprezzano, sarà altrettanto utile. La prima fase di preparazione è lunga e noiosa : staccare la parte gialla del capolino, quella che sarà utilizzata. Anche l'ultima tappa è lunga: bollire fino ad arrivare alla viscosità desiderata.
Tuttavia il risultato ne vale la pena. Nel suo colore ambra, questa melassa ci riporta il gusto del prato nuovamente fiorito, non ancora calpestato. Un gusto che ci ricorda il verde, una piccola fetta di natura che assaggerete.

Gelatina di robinia. La primavera tutto l'anno

pubblicato 3 nov 2014, 07:00 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 11 dic 2015, 06:21 ]

Gli assaggiatori saranno sia contenti che sorpresi!
Infatti, la robinia è molto diffusa in Europa, però la pianta utilizzata proviene solo della Collina d'Oro. È un albero, anche se talvolta si presenta con un portamento arbustivo. In primavera, i suoi grandi grappoli fiorali, di un bianco intenso, ci stimolano all'uscita per ricercare il loro discreto profumo.

Non è facile trovare della gelatina di robinia, malgrado la sua notevole presenza sul nostro territorio. Eccola qui, pronta per esser assaggiata e pronta ad eccitare le vostre papille gustative! Ma, in realtà, è robinia o acacia?

Oltre alla gelatina, vi ricordo un altro prodotto della robinia che è risultato una vera e propria rivelazione: la crema ghiacciata, uno spettacolo per gli occhi, un incanto per la bocca. Da provare assolutamente in primavera 2016.

Castagne, tra morte e vita !

pubblicato 2 nov 2014, 08:40 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 11 dic 2015, 06:48 ]

Nel Ticino come nell'Italia settentrionale, il cinipide del castagno ha provocato ingenti danni alle nostre selve castanili in questi ultimi anni.
Si tratta di un micro-imenottero proveniente dalla Cina, che depone le sue larve sulle gemme. Queste larve, sviluppandosi, producono delle tossine che sono dannose per il foglie del castagno.
Fortunatamente, l'Italia del Nord ha adottato un piano di lotta naturale introducendo un predatore naturale del cinipide, il Torymus sinensis.
È probabile che il nostro cantone abbia beneficiato della diffusione del predatore. In effetti, le chiome dei castagni sono notevolmente migliorate nel 2015.

Fichi 2014 - in bianco nero !

pubblicato 1 nov 2014, 13:39 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 11 dic 2015, 07:16 ]

Una buona parte dei nostri fichi fruttifica due volte all'anno! Quando la primavera è mite e ben soleggiata, il fico fruttifica una prima volta all'inizio dell'estate (fioroni). Nel 2014, la raccoltà di fioroni è stata molto buona, sia per la quantità che per la qualità.
Purtroppo le numerose pioggie di luglio, agosto e inizio settembre hanno totalmente compromesso la seconda raccolta. I frutti, non giunti a maturazione, sono esplosi e sembravano fiori rossi a fondo verde, con 3, 4, o 5 petali.

Brillante da colore e da gusto!

pubblicato 28 ott 2014, 17:29 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 28 ott 2014, 17:39 ]

Brillante da colore e da gusto! Ecco come definire in poche parole il corniolo. Quando maturo, il frutto sembra esser cerato. Quando in fiore, all'inizio della primavera, l'albero illumina dal suo giallo. Purtroppo diventa molto difficile trovarlo nel Ticino meridionale, rimangono solo qualche piante sparse. Eppure il suo rapporto produttivo è alto, con facilmente diverse decine di chili per anno. Di più, il suo legno, molto duro, si presta bene per tanti attrezzi.
Per stuzzicare i vostri palati, abbiamo provato due altre preparazioni con il corniolo.
Prima una créme glacée.
Che meraviglia, che untuosità Ma ancora di più, che finezza, perché il gusto, gelato, è così fino.
Puoi il sciroppo.
Anche con una miscela sostenuta, per i golosi del dolce, il sapore di questo frutto rimane intero, inteso, vivace.
Vediamo l'anno prossimo se ci saranno qualche produzioni.

Il cachi, molto presente, molto sconosciuto

pubblicato 19 ott 2009, 17:09 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 28 ott 2014, 17:42 ]



Sembrerebbe che la grappa di cachi abbia successo!
Appare come un grosso arancio nella fine del autunno. I frutti cominciano a maturare e la polpa diventa molto flaccida. La pelle, stranamente, è fine come quella del pomodoro, ma abbastanza resistente. Naturalmente quando cade, e nel'inizio del inverno sarà frequente, s
arebbe meglio non restare sotto l'albero.

Assaggiarlo è adottarlo

pubblicato 19 ott 2009, 17:09 da Michel Rapelli   [ aggiornato in data 28 ott 2014, 17:43 ]

Naturalmente i diversi prodotti hanno dei sapori molto diversi, che provocheranno delle sensazioni molto differente. Per questo motivo proponiamo dei campioni di degustazione. Ci sarà quasi certamente una sorpresa, perché la natura è sorprendente. D'altronde questa medesima natura cambia, e il suo prodotto non è sempre identico. Questo per dire che ci sarà spazio per qualche variazioni a secondo dei anni.
Cosi avrete ogni volta qualche cosa di nuovo, di sorprendente.

1-7 of 7